COMUNICATO STAMPA LEGA: DAL COMUNE ANCORA RISTORI PER MODENA PARCHEGGI. LEGA SUL PIEDE DI GUERRA: FONDI INGIUSTIFICATI


01 Jun

Lega Modena esige spiegazioni sul nuovo ristoro da 350mila euro proposto dall’Amministrazione a Modena Parcheggi e sulla convenzione tra società privata ed Ente Pubblico. Allibiti e indignati, gli esponenti del gruppo d’opposizione hanno deciso di presentare un’interrogazione per ottenere risposte

“Vorremmo capire per quale motivo l’Amministrazione vorrebbe regalare altri soldi dei cittadini a Modena Parcheggi, soprattutto se si considera che la società ha chiuso il bilancio in attivo. Proprio non riusciamo a spiegarci questa decisione, ragion per cui vogliamo far luce non solo sulla questione fondi ma più in generale sui rapporti tra l’Ente Pubblico e la S.p.A.”. Dal gruppo Lega – con il capogruppo Alberto Bosi e il vice capogruppo Giovanni Bertoldi schierati in prima linea – piovono critiche a non finire sulla variazione di bilancio approvata dalla Giunta durante l’ultimo consiglio comunale, dal momento che il provvedimento includerebbe anche una somma ingiustificata di 350mila euro in favore di Modena Parcheggi, che si andrebbe a sommare ai 123mila già erogati in precedenza sempre per la situazione di scarsa mobilità legata all’emergenza Covid.

Il soggetto privato – al quale il Comune da anni ha affidato la gestione della sosta a pagamento in città – effettivamente nel 2020 con la riduzione degli spostamenti ha assistito ad un calo delle entrate, ma non tale da comprometterne il bilancio: ecco perché la Lega ha deciso di presentare un’interrogazione al Sindaco e alla Giunta per saperne di più. Se la ragione del nuovo ristoro è l’interrogativo al centro del documento, tuttavia non è certo l’unico. “Quanto doveva durare la convenzione tra Ente Pubblico e privato? Quali penali sono previste per il Comune se volesse interrompere l’accordo con la S.p.A in questione? Qual è l’utile netto di Modena Parcheggi anno per anno e quali invece gli incassi del Comune? Vogliamo risposte chiare non solo per valutare a pieno l’attuale gestione, ma anche per migliorare l’intera situazione parcheggi in città”, ha affermato Bertoldi.

“Abbiamo assistito ad un graduale incremento delle strisce blu a scapito di quelle bianche – basti pensare alla soppressione del parcheggio gratuito dell’ex AMCM – come pure ad un aumento delle tariffe e all’estensione delle fasce orarie a pagamento” ha rimarcato Bosi “e a rimetterci sono sempre i cittadini, che non solo si trovano a pagare la sosta ogni qualvolta devono recarsi in centro ma che indirettamente pagano anche centinaia di migliaia di euro di ristori per compensare il calo nei ricavi della società. E meno male che questa convenzione – almeno secondo chi l’ha voluta – avrebbe dovuto risolvere i problemi di parcheggio in città senza pesare eccessivamente sulle casse pubbliche”.