COMUNICATO STAMPA LEGA: LEGA MODENA DICE LA SUA SUL ROTORE “DA SIMBOLO DI RINASCITA AD EMBLEMA DI DEGRADO”


19 Aug

Dopo le ennesime promesse poco convincenti del Sindaco, anche Lega Modena interviene sullo stato di totale abbandono della struttura di via Finzi, dichiarandosi al fianco dei cittadini del quartiere per sollecitare l’azione dell’Amministrazione

“Altro che il simbolo della rinascita urbanistica del quartiere: il Rotore è la triste immagine di un palese fallimento progettuale, ancora ben lontano dal diventare – come promesso dal primo cittadino pochi giorni fa – un centro privato di housing sociale con tanto di servizi per anziani. Ad oggi è in realtà una discarica a cielo aperto, un rifugio per tossicodipendenti, prostitute e senzatetto. In altre parole l’emblema del degrado”. Il capogruppo consiliare della Lega Alberto Bosi ha commentato così la situazione dell’edificio fatiscente alla Sacca, sottolineando come incuria e abbandono siano sotto gli occhi di tutti, ma l’Amministrazione continui a nascondersi dietro false speranze e promesse mai realizzate. “Il tempo passa, il cantiere è fermo da più di dieci anni, e le condizioni dell’area si aggravano giorno dopo giorno” ha continuato Bosi. “Lo scheletro di cemento e ferro è sempre lì, e chissà per quanto ancora lo sarà, tra sporcizia, rifiuti di ogni genere, siringhe e giacigli di fortuna”.

Sulla questione è intervenuto anche il Vicepresidente del Consiglio Comunale Stefano Prampolini che ha ricordato come a fine giugno la struttura fosse tornata al centro della cronaca locale per un incendio. “Da quell’episodio non è cambiato nulla: le fiamme – che peraltro pare siano divampate proprio a causa di un bivacco – non sono servite ad allontanare i disgraziati e i delinquenti che vi si radunano illecitamente, anzi: le occupazioni abusive sono all’ordine del giorno nonostante i lavori nelle aree limitrofe. Fortuna che il Rotore doveva essere il primo traguardo della riqualificazione dell’intera area dell’ex Mercato Bestiame” ha detto Prampolini con amara ironia “invece ad oggi rappresenta il totale insuccesso di un’Amministrazione ipocrita e disinteressata agli appelli dei residenti e dei comitati della zona”.

Gli esponenti di Lega Modena, infatti, fanno sapere di essere al fianco dei cittadini del quartiere in merito a questo problema e a loro si uniscono nel richiedere l’intervento dell’Amministrazione. “Sappiamo bene che la questione è delicata – ha dichiarato Bosi – non solo per il livello di sporcizia e disagio sociale che si è raggiunto ma anche per ragioni di proprietà: la cordata di privati guidata da Cmb, infatti, non ha più fatto sapere nulla ai modenesi sul destino della struttura abbandonata a sé stessa e al degrado più totale. È ora che chi è responsabile intervenga quanto prima per sbloccare la situazione e per far procedere i lavori di risanamento e riqualificazione del Rotore come da progetto, tenendo fede alle promesse fatte”.