INTERROGAZIONE LEGA: INCENDIO DOLOSO PALAZZINA MODENA


01 Aug

Premesso che

  • Lo scorso 22 luglio, intorno all’una di notte, in via Emilia Ovest a Modena all’incrocio con San Cataldo, a causa di un incendio doloso in una palazzina, almeno diciotto persone sono rimaste intossicate e portate all’ospedale per accertamenti, mentre altre due sono state trasferite ai centri ustioni di Parma e Verona. 
  • Stando agli accertamenti che sono stati condotti sul posto dalla Polizia di Stato, intervenuta insieme alla Polizia Locale, ai Vigili del Fuoco e al 118, si sarebbe trattato di una vera e propria ritorsione al termine di una serie di liti. Le indagini (l’ipotesi di reato secondo quanto riportato sulla stampa è l’incendio doloso), conducono a questa ricostruzione dei fatti: due giovani tunisini di 21 e 29 anni si sarebbero recati nella palazzina in questione per vendicarsi di un presunto torto subito da uno dei residenti, che abita al piano terra. I due avrebbero appiccato il fuoco utilizzando una tanica di benzina, poi sequestrata, ma si sarebbero ustionati gravemente mentre davano alle fiamme l’appartamento al piano terra nel quale pare sarebbero riusciti ad entrare.
  • Sarebbero almeno 10 le persone evacuate dopo l'incendio. I servizi sociali del Comune avrebbero contribuito a trovare loro una collocazione temporanea, in attesa del ripristino degli alloggi in cui abitavano. Le persone evacuate sarebbero tutte di nazionalità centroafricana (Senegal, Mauritania e Costa d'Avorio) con un'età compresa tra i 25 e i 66 anni.


Considerato che

  • Stando a quanto riportato sulla stampa, il gravissimo episodio si collegherebbe ad altre ipotesi di reato, sollevando forti preoccupazioni sulla sicurezza in città (cit. “Ultimissime”, Modena, 22 luglio 2021): “Tutto è nato per questioni legate alla droga. Il loro amico era stato ferito nella rissa in Viale Amendola e loro hanno organizzato il raid. Ma i carnefici sono diventati le prime vittime dell’incendio, le loro condizioni infatti sono gravissime, anche se i due si sono presentati in ospedale nella notte sulle loro gambe. Illeso invece quella che doveva essere la vittima, che è riuscita a scappare in tempo. La Procura di Modena ora indaga per incendio doloso e i Carabinieri hanno già sequestrato la tanica di benzina utilizzata per appiccare il fuoco. Gli appartamenti al piano superiore sono tutti inagibili e sono diverse le persone rimaste senza casa. Danni anche agli uffici del terzo piano. Una notte di follia, dettata da un regolamento di conti tra tunisini. Una storia inquietante, che miracolosamente si è conclusa solo con intossicazioni non gravi … Senza l’intervento tempestivo di varie squadre dei Vigili del Fuoco sarebbe stata una strage”.


SI INTERROGA

Il Sindaco e la Giunta per sapere:

  • Se quanto sopra esposto corrisponda al vero.
  • Se il Comune di Modena abbia sistemato le famiglie evacuate in altri alloggi a proprie spese.
  • Quali siano questi alloggi e a quanto ammontino tali spese.
  • Chi si farà carico dei danni provocati alla palazzina in cui è scoppiato l’incendio.
  • Quali provvedimenti l’Amministrazione Comunale e il Sindaco di Modena titolare della delega alla sicurezza intendano adottare per evitare il ripetersi di simili episodi.

GRUPPO LEGA MODENA

Beatrice De Maio

Alberto Bosi

Giovanni Bertoldi

Barbara Moretti

Stefano Prampolini

Luigia Santoro