Modena, per i rifiuti costo record ma servizio scadente


13 Feb
13Feb

Per l’ambiente la sinistra spreca sempre belle parole ma quando nel concreto è il momento di agire molte cose vengono lasciate al caso.

"È sufficiente un giro nella città di Modena per notare la situazione di alcuni cassonetti, naturalmente non nelle zone più trafficate della città ma quelle in cui il cittadino comune non può accorgersi della reale situazione."
Così Alex Pedrazzi, coordinatore Provinciale della Lega Giovani Modena.


Verso i Quartieri il degrado abbonda. Alla Madonnina, come si può vedere dalle immagini il cassonetto è stracolmo, nell’altra immagine invece, in via Giardini, il cassonetto è pieno e addirittura i rifiuti sono sparsi per terra, non certo una bella immagine per la nostra città. Per non parlare dei bordi della tangenziale che sono piene di buste di plastica e scatole di cartone, in questo caso la colpa va divisa tra i cittadini e il comune. L’amministrazione dovrebbe prendere atto di questa situazione e rimediare immediatamente, tutto ciò è inaccettabile se pensiamo che ogni anno un cittadino modenese si trova a pagare circa 293€ per i rifiuti (19 euro in più rispetto alla media nazionale) si può ritenere questo servizio abbastanza scadente chiude il giovane leghista.


Anche nei parchi la situazione è abbastanza critica, la maleducazione delle persone sommata alla mancanza di un intervento regolare di pulizia provoca l’accumulo di diversi rifiuti mese dopo mese, questo non contribuisce alla salvaguardia dell’ambiente, contando che in città esistono associazioni che si dedicano alla sensibilizzazione ambientale credo sia arrivato il momento che qualcuno gli ascolti e insieme iniziare un percorso di formazione per i cittadini.


Alex Pedrazzi

Coordinatore Provinciale Lega Giovani Modena