MOZIONE LEGA: RIMBORSO ZTL CENTRO STORICO


12 Aug

 Premesso che 

Negli anni scorsi l’Amministrazione Comunale ha sottolineato che nella gestione del rilascio e del conteggio dei permessi per l’accesso dei veicoli al centro storico, il riordino e la razionalizzazione del sistema di accesso alla ZTL sarebbe stato uno degli obiettivi principali della nuova ordinanza per la regolamentazione degli ingressi. Il numero dei permessi rilasciati appariva in effetti straordinariamente alto, per cui risultava necessario mettere a punto un sistema che verificasse annualmente e con precisione tutte le autorizzazioni concesse. In particolare si doveva verificare l'effettiva proprietà dei permessi ZTL, che evidentemente in alcuni casi venivano girati e prestati ai parenti, agli amici o utilizzati da finti disabili (magari a spese dei veri disabili). L’alto numero di veicoli che sostava in centro storico provocava inoltre seri disagi ai residenti e legittimi possessori del permesso ZTL, i quali, oltre a dover pagare un ticket annuale, rischiavano di venire sanzionati per l’impossibilità di trovare un parcheggio nelle vicinanze di casa. 

Considerato che 

Il 30 luglio 2021 il Comune di Modena comunicava che nei primi sei mesi del corrente anno gli operatori della Polizia Locale hanno controllato 2.591 stalli riservati agli invalidi, circa 432 ogni mese, elevando 253 sanzioni, di cui 81 in centro, con la media di un illecito riscontrato ogni 12 stalli sottoposti a verifica; in 49 casi si è verificata anche, in aggiunta, la violazione dell’obbligo di utilizzo strettamente personale del contrassegno (previsto da un’ordinanza comunale): alla luce delle agevolazioni che lo caratterizzano, come, appunto, la sosta sugli stalli riservati, nelle aree pedonali, accesso alla zona ZTL e sosta gratuita sugli stalli a pagamento, per utilizzare il pass è necessario che il titolare sia presente e il veicolo che espone l’autorizzazione sia al servizio del titolare del contrassegno stesso. L’importo del verbale è di 87 euro (60,90 se pagata entro cinque giorni), oltre alla rimozione del veicolo e alla decurtazione di 2 punti dalla patente di guida del conducente. I numeri dei “furbetti” del primo semestre del 2021 ricalcano quelli dell’analogo periodo del 2020 – quando le sanzioni furono 262 – e dal punto di vista territoriale si concentrano soprattutto in centro storico, dove, per via della presenza di un numero maggiore di stalli “dedicati”, si è sviluppata la maggioranza dei quasi 2.591 accertamenti complessivi (cioè il 71 per cento). Nel primo trimestre del 2021, infatti, nel Quartiere 1 sono stati controllati 766 posti e 239 veicoli, un’attività che ha condotto a 40 sanzioni, di cui 17 per violazione dell’ordinanza comunale; mentre nel secondo trimestre sono stati sottoposti a verifica 1.082 stalli e 435 veicoli, da cui sono emerse 41 violazioni (tra queste, 14 all’ordinanza comunale), con un caso di recidività. Tra le situazioni più significative, anche quelle di otto automobilisti che adoperavano permessi intestati a persone scomparse.                                     

IMPEGNANO IL SINDACO E LA GIUNTA COMUNALE 

Ad utilizzare le somme derivanti dalle sanzioni pecuniarie comminate a quanti hanno utilizzato impropriamente il permesso ZTL al fine di accedere al centro storico e/o parcheggiare gratuitamente nelle vicinanze, per diminuire almeno nell’anno 2022 la tariffa dell’abbonamento che residenti e legittimi detentori dell’autorizzazione devono versare annualmente, quale parziale rimborso per i disagi subiti.   


LEGA MODENA 

Beatrice De Maio 

Alberto Bosi 

Giovanni Bertoldi 

Barbara Moretti 

Stefano Prampolini

 Luigia Santoro