26 Feb

Premesso che 

secondo gli ultimi dati ISTAT la popolazione in Italia ammonta al 1° gennaio 2021 a 59 milioni e 258 mila residenti circa 300 mila in meno sull'anno precedente ed in costante diminuzione; le nascite in Italia nel 2020 sono state circa 405 mila, in costante diminuzione rispetto agli anni precedenti e, per il 2021, purtroppo i primi dati ISTAT certificano che i nati nel nostro Paese scenderanno, e in misura considerevole, sotto le 400 mila unità; le famiglie numerose sono sicuramente quelle più in difficoltà visto il numero consistente di figli a carico da mantenere e che quindi necessitano di un maggiore aiuto da parte delle istituzioni di qualsiasi livello; 

Considerato che 

numerose ragioni sottendono al calo delle nascite, tra cui anche sicuramente le carenze, a livello nazionale e territoriale, di efficaci politiche per la famiglia, per la previdenza, per il lavoro, per la casa, per il welfare; una delle cause della bassa natalità italiana è costituita dagli ostacoli economici e culturali che la scelta di diventare genitori comporta, a partire dalla discriminazione nell'accesso e nella prestazione di lavoro, che aumenta in maniera direttamente proporzionale al numero di figli. Discriminazione aggravata da un sistema di welfare debole che spesso lascia alle donne il lavoro di cura di bambini e anziani, senza che questo venga riconosciuto dal punto di vista previdenziale. Si consideri poi come l'innalzamento dell'età per pensione di vecchiaia faccia sovente mancare l'aiuto dei nonni; la Costituzione ha inteso valorizzare la famiglia, evidenziando l'importanza del mutuo aiuto morale, materiale ed educativo tra coniugi, tra genitori e figli e tra parenti; 

Visto che 

le ultime misure introdotte dall'attuale Governo tengono solamente in parte conto delle prerogative delle famiglie, in particolar modo di quelle numerose; infatti a parte l'assegno unico per i figli a carico che consideriamo una misura utile riteniamo comunque che molto debba essere ancora fatto per sostenere le famiglie con figli a carico; in altri Paesi europei le politiche di sostegno per i figli a carico sono semplici e anche più consistenti del nostro come ad esempio in Francia; 

TUTTO CIO' PREMESSO SI IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA 

ad assumere iniziative per riordinare e potenziare le misure a sostegno delle famiglie numerose modenesi attraverso politiche sociali che prevedano contributi aggiuntivi, rispetto a quelli attuali, per il pagamento della Tari e delle bollette di luce e gas. 


LEGA MODENA 

Alberto Bosi 

Giovanni Bertoldi

 Barbara Moretti 

Stefano Prampolini 

Luigia Santoro 

FRATELLI D'ITALIA / POPOLO DELLA FAMIGLIA 

Elisa Rossini 

Antonio Baldini 

FORZA ITALIA 

Piergiulio Giacobazzi