ORDINE DEL GIORNO LEGA: RIPRISTINO ESTETICO, CONSERVATIVO E FUNZIONALE DELLA FONTANA DELLA “FANCIULLINA CON CANESTRO DI FRUTTA”.


23 Jun

Premesso che:

  • dal   1931 la bellissima fontana della “Fanciullina con canestro di frutta”, opera in bronzo dell’artista modenese (d’adozione)  Giuseppe Graziosi, si trova al centro del Mercato Albinelli  della nostra città e rappresenta l’oggetto artistico di maggiore pregio all’interno di uno dei più importanti e caratteristici mercati storici italiani;
  • la fontana fu commessa al Graziosi  proprio  per fornire acqua per lavare la frutta e la verdura del mercato;
  • la fontana è costituita da una statua di bronzo, che raffigura una fanciulla con un cesto ricolmo di frutta nel braccio destro e un mazzolino di spighe nella mano sinistra, e dal basamento su cui poggia, al centro di una vasca di forma quadrilobata, anch’essa disegnata da Graziosi;
  •  da qualche anno dalla fontana non sgorga più acqua;
  • una fontana priva di acqua perde di significato e l’opera d’arte concepita con la presenza dinamica dell’acqua risulta incompleta (basterebbe immaginare la Fontana di Trevi priva di acqua!).

Sottolineato che: 

  • il consumo d’acqua di una fontana con acqua a perdere che va di continuo può comportare costi di gestione eccessivi e uno spreco di acqua dolce che  oggi è  poco sostenibile a fronte della sempre maggiore scarsità delle riserve idriche del pianeta.

Considerato che:

  • il Sindaco Muzzarelli ha annunciato, nel corso di una recente assemblea del mercato coperto Albinelli, che la fontana “Fanciullina con canestro di frutta”,  sarà oggetto di intervento di restauro conservativo; 
  • il progetto di intervento, del valore di alcune decine di migliaia di euro, sarà sottoposto alla “Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio della città” per ottenerne il parere sui lavori e sul futuro utilizzo, e i lavori partiranno entro fine anno;
  • l’intervento prevede la pulitura, il trattamento biocida, la risarcitura delle microlesioni e il restauro della fontana al centro del mercato e della statua presente in sommità;
  • i lavori riguarderanno anche il consolidamento localizzato di eventuali frammenti distaccati o pericolanti e la verifica della stabilità strutturale degli elementi, oltre al risanamento delle lacune e alla stuccatura di fessurazioni, lesioni e fughe. È prevista infine la stesura di un prodotto protettivo;
  • la statua in bronzo, su cui non si rilevano degradi significativi, sarà oggetto di una pulitura superficiale necessaria a rimuovere lo sporco senza alterare la “patina nobile antica”, per poi eseguire, se necessario, un trattamento protettivo finale.

Sottolineato che: 

  • l’occasione del restauro della fontana potrebbe essere l’occasione di riportare in “vita” l’opera d’arte in modo più complessivo. 

IL CONSIGLIO COMUNALE IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA A: 

studiare in collaborazione con la Soprintendenza la possibilità di fare tornare l’opera d’arte all’originare ruolo di fontana. Per limitare i costi di esercizio ed evitare un eccessivo spreco di acqua si potrebbe studiare l’introduzione di un sistema di ricircolo o di riduzione della portata o di allestire un sistema a comando o con temporizzatore  che consenta la fuoriuscita di acqua in modo discontinuo: ciò  offrirebbe al turista di passaggio, al cittadino, al bambino di godere della fontana in attività almeno  per qualche momento.


Giovanni Bertoldi